Indietro     

Attualità

 

Materiali naturali, bioarchitettura e chi più ne ha più ne metta...

Questo nuovo “fermento ecologico” è genuino o frutto di una tendenza glamour che interpreta attualità e senso comune? Difficile dirlo con certezza; c’è da augurarsi che sia l’inizio di un percorso intrapreso a livello globale e che investa, pertanto, tutti gli aspetti della vita sul pianeta. Per ora prendiamone atto, ma con riserva.

D’altra parte è difficile affrontare qualsiasi tematica ecologica senza derivare in luoghi comuni e banalità. Considerando infatti la complessità della realtà umana, è arduo concepire un ritorno pressoché totale all’uso di materiali naturali, quando gran parte di quelli ritenuti essenziali ed indispensabili sono di sintesi. Inoltre, non tutto ciò che comunemente è considerato “naturale” è privo di controindicazioni per l’utente e per l’ambiente.

Ho motivo di ritenere che la risposta corretta a questa diffusa domanda di naturalità sia da ricercare nella “ecosostenbilità” dei prodotti piuttosto che nella loro appartenenza ad una determinata categoria, perché nella seconda ipotesi è facile il condizionamento ideologico.

In sintesi e sempre a mio parere, si può definire ecosostenibile, un materiale il cui processo produttivo e smaltimento abbiano il minor impatto ambientale possibile; poco importa se di sintesi o naturale.

Naturalmente i derivati vegetali, i lapidei, ecc. mantengono ancora il primato di ecocompatibilità, perché la loro riconversione in prodotti primari è più semplice e può avvenire, in teoria, anche sensa apporto umano. Ma non potremo disboscare o cavare pietra in eterno, vi pare?

Ha senso affermare quindi, che nel prossimo futuro l’approccio corretto allo studio e produzione di nuovi materiali e non, dovrà comprendere un percorso completo del prodotto, che ne comprenda cioè anche lo smaltimento e riutilizzo.

Noi saremo sempre attenti al nuovo, ma con atteggiamento critico, obiettivo; l’era del “vendere per vendere” appartiene alla preistoria…

 

                                                                                   Alessandro Giunti

   

 

 

       Jollyfloor - via Augusto Righi n° 18 52100 Arezzo Tel: + 39 0575 38 27 20 + 39 0575 95 64 18 Fax + 39 0575 38 00 25 P.Iva: 01544720517